Dopo la pausa dedicata alle festività, torna su InterTV 'Drive Inter' e al volante in questa puntata c'è Andrea Ranocchia, che nelle ultime settimane è tornato a recitare un ruolo importante in maglia nerazzurra. Ecco alcune delle sue parole più significative, come sempre tra il serio e il faceto che caratterizza il programma.

Come ti chiamano i compagni?
"Mi chiamano Rana, Rano, Andrea quasi nessuno. In Inghilterra mi chiamavano Frog".

Qualche soprannome dei tuoi compagni?
"Con Brozo e Mira ci chiamiamo 'grande', più o meno usiamo gli abbreviativi".

Pratichi solo il calcio o anche altri sport?
"Faccio boxe come allenamento, solo per lavorare sull'equilibrio e la stabilità. La boxe mi piace perché ti fa sfogare, poi è utile perché lavora tutto il corpo".

A questo punto Ranocchia commenta qualche frase relativa alla boxe, adattandola a sé stesso. "Ho sempre sognato di diventare calciatore, tanti miei compagni si sono persi per strada e sono tutti bravi quelli che arrivano tra i professionisti, per questo vanno ammirati".

Chi sono i campioni del calcio oggi?
"Ce ne sono tanti, poi ci sono i talenti puri come Messi, al quale la natura ha dato tutto e lui l'ha sfruttato. Poi Ronaldo che ha creato qualcosa in più à oltre a ciò che la natura gli ha dato. Chi arriva tra i professionisti comunque è uno che ha dato e sacrificato tanto, impegnandosi. Per me sno tutti campioni".

Nel tempo libero che fai?
"Cose normalissime, quelle che fanno la maggior parte delle persone. Dopo l'allenamento mi riposo, il mister ci fa lavorare tanto. poi faccio boxe, o vado in giro con mia moglie o a fare la spesa. E' divertente fare la spesa, mi rilassa e non lo faccio con frenesia. Abbiamo tempo libero e ci godiamo la giornata. Molte persone devono andare sempre di fretta per questioni di lavoro, la fortuna di fare il calciatore è anche questa".

Il tuo rapporto con i social?
"Buono. Sono sempre stato riservato nella vita, però il mondo è cambiato tanto e bisogna adeguarsi. Non sono esagerato come i fashion blogger, ma un po' devo far vedere quello che provo. Più o meno mostro la mia vita lavorativa, allenamenti, partite, quello che riguarda la squadra e si può far vedere. Con il contagocce qualcosa della mia vita privata".

Tu hai una onlus, me ne parli?
"Abbiamo da poco fatto donazioni per il 2017 alle varie associazioni. Abbiamo raccolto davvero tanto, abbiamo aiutato il Buzzi di Milano grazie alla Bobo Summer Cup con apparecchiature. Poi abbiamo aiutato due associazioni della mia terra. Insomma, stiamo variando. Abbiamo fatto una donazione al comune di Visso per rifare l'impianto sportivo dopo il terremoto. Abbiamo portato a termine i nostri obiettivi. E' bello, ho visto tanta collaborazione dai miei compagni e dai miei avversari sul campo. Ho messo all'asta maglie, biglietti e altri oggetti".

Vero che da ragazzino giocavi da trequartista?
"Sì, ho iniziato da punta, poi trequartista, centrocampista... Sono sempre stato offensivo, poi un anno a Perugia ci mancava un difensore centrale e il mister Montanelli mi ha chiesto di andare dietro finchè non ne avessimo trovato un altro. Alla fine sono rimasto lì e sono contento".

Hai esordito contro l'Inter in A con il Bari, ricordi quel giorno?
"Ricordo a sprazzi, sono state emozioni fortissime. Vidi tante cose in poco tempo, non ci capisci tanto. Te ne rendi conto dopo. Abbiamo giocato contro l'Inter che poi avrebbe vinto il Triplete, ero un 20enne".

Ranocchia a questo punto si sottopone ai tradizionali quiz con domande che in qualche modo lo riguardano e alla prova pensata apposta per lui su un ring di boxe.

Hai ereditato la fascia da capitano da Zanetti. Cosa ci dici di lui?
"Abbiamo giocato insieme tanti anni e condiviso tante cose, anche quando non andava bene. Ma è stato un esempio da seguire sia nello spogliatoio che negli allenamenti. E' stato importante nella mia carriera e non è da tutti giocare tanti anni con un giocatore del genere. Mi ha dato tanto e ha dato tanto a questi colori".

Momento musicale: la playlist di Ranocchia con commenti sulle scelte, quindi il quiz dei calci di rigore in cui se la cava discretamente.

Sezione: Copertina / Data: Mer 10 Gennaio 2018 alle 17:51 / articolo letto 8161 volte
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit