FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Osim: “Ho scoperto Dzeko, l’Inter è il club giusto. A Milano può vincere”

MILAN, ITALY - AUGUST 21: Edin Dzeko of FC Internazionale celebrates after scoring his team's fourth goal during the Serie A match between FC Internazionale v Genoa CFC at Stadio Giuseppe Meazza on August 21, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Mattia Ozbot - Inter/Inter via Getty Images)

Lo scopritore dell'attaccante bosniaco approva la scelta del trasferimento in nerazzurro

Stefano Bertocchi

"La prima volta che vidi Edin aveva soltanto 11 anni. Ero tornato in Bosnia dopo aver vissuto 6-7 anni in Francia e disputai l’ultimo anno come calciatore. Tutti già parlavano di una giovanissima promessa che segnava gol a raffica. Incuriosito cominciai a seguire la partite delle giovanili. E mi resi subito conto delle sue qualità. Anni più tardi, appena venni nominato tecnico della prima squadra, Dzeko firmò il suo primo contratto da professionista. Allora nessuno puntava sui ragazzi di 17 anni". Il racconto a Tuttosport è di Amar Osim, l’allenatore che per primo puntò sul centravanti bosniaco ai tempi dello Zeljeznicar.

Un predestinato.

"Fa parte di una fantastica generazione. Noi avevamo la squadra migliore in Bosnia, ma lui faceva già la differenza. Edin nelle giovanili avrà realizzato qualcosa come 40-50 gol a stagione. Non è mai semplice segnare, anzi è la cosa più difficile nel calcio. Non ci riesci se non sei forte e intelligente, doti da top player, tutte insite in Dzeko".

Pensa che all’Inter possa vincere qualche trofeo?  

"Ha scelto il club giusto. Sinceramente era difficile trionfare con la Roma, che resta una grande società, ma che ha conquistato pochissimi titoli negli ultimi 50 anni. Io andavo spesso nella Capitale, ho trascorso molto tempo lì con Edin ed ho visto una miriade di partite. Diciamo la verità, a volte si aveva la sensazione che l’unico che potesse fare qualcosa per la squadra fosse proprio Dzeko. Ed è difficile giocare in queste condizioni se hai l’ambizione di vincere. Nell’Inter la storia è completamente differente".

 Ora sostituisce Lukaku.

"Il belga ha un gioco diverso. Butta la palla avanti, corre, salta e segna. Ma è più facile giocare insieme a Dzeko. A Milano non dovrà solo fare il lavoro sporco ma avrà le energie per segnare. Poi Edin è capace di creare spazio e dialogare con i compagni. Con Correa e Lautaro può fare molto bene". 

tutte le notizie di