FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Marotta: “Brozovic? Nulla di compromettente. Nuovo stadio, i presupposti ci sono”

Marotta: “Brozovic? Nulla di compromettente. Nuovo stadio, i presupposti ci sono”

L'a.d. sport dell'Inter parla di rinnovi, momento della squadra e questione stadio

Stefano Bertocchi

Intercettato dai cronisti a margine dell'incontro in Regione Lombardia, Beppe Marotta analizza il momento dell'Inter ma anche la questione rinnovi e il tema stadio. Ecco quanto raccolto dal nostro inviato.

Si aspettava questo inizio della squadra di Inzaghi oppure no? È sorpreso?

“Io sono sempre ottimista e soprattutto sono in grado di dire che la premessa era sicuramente questa, ovvero quella di poter iniziare una stagione certamente con delle piccole difficoltà di adattamento dell'allenatore ma di proseguire positivamente perché nel valore della squadra c'è il valore dell'allenatore. E c’è una grande tranquillità da parte della società nel far lavorare tutti gli addetti ai lavori in massima tranquillità”. 

Siete sempre lungimiranti su rinnovi, come mai con Brozovic si è arrivati a questo punto?

“Queste sono valutazioni che si fanno in modo strategico, non è la prima volta che è un club arriva ad affrontare questo problema, questa situazione ad un anno dalla scadenza. Ma non è assolutamente nulla di compromettente se esistono i presupposti per poter continuare”.

È necessario cambiare le regole su questo ultimo anno di contratto considerando che funziona così da quando esiste la legge Bosman?

“Credo che prima di arrivare a questi cambiamenti ci siano tante cose da rimodellare, tanti cambiamenti da fare nell'ottica di quello che è un modello oggi calcistico, soprattutto italiano, che non è più sostenibile”.

Quanto è importante portare avanti la questione stadio in un momento come questo?

“Credo che lo stadio rappresenti per un club non solo un asset patrimoniale con tutte le conseguenze positive che si porta dietro, ma soprattutto la propria casa, quella dei propri tifosi e della propria squadra. E quindi nell'ottica della modernità bisogna andare a rivedere un po' le strutture. I presupposti comunque a Milano ci sono perché si possa arrivare a questo: c'è un'attività da parte dei due club, da parte nostra fatta attraverso l'amministratore delegato Antonello; c'è la grande sensibilità da parte dell'amministrazione comunale. Credo e spero che si possa arrivare veramente alla realizzazione quanto prima”.

Su Eriksen ci sono novità in arrivo?

“No, per adesso no. Nessuna novità”.

(Dall'inviato Mattia Todisco)

tutte le notizie di