FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Maicon: “Inter la più forte, ma con la Roma dico pareggio. Mou proverà emozione”

COMO, ITALY - MARCH 16:  Maicon looks on during the FC Internazionale training session at the club's training ground Suning Training Center in memory of Angelo Moratti at Appiano Gentile on March 16, 2018 in Como, Italy.  (Photo by Claudio Villa - Inter/FC Internazionale via Getty Images)

L'ex terzino brasiliano inquadra il match dell'Olimpico a La Gazzetta dello Sport

Stefano Bertocchi

"Dico pareggio. Penso davvero che possa finire così, perché l’Inter è in un grande momento di forma ma la Roma non può perdere altro terreno in classifica". Ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, il doppio ex Maicon disegna così il suo pronostico di Roma-Inter.

È la partita di Mourinho, questa, per la prima volta avversario dell’Inter.

"E credo che nel suo cuore proverà molta emozione, anche a distanza di tanti anni certe cose non si dimenticano".

Lo vede cambiato? Oppure è sempre il Mou che ha conosciuto lei? Sa che è un tema di discussione in Italia, questo.

"È sempre José. È una persona intelligente, sta imparando".

In che senso, scusi?

"Sta imparando a conoscere i suoi giocatori, a relazionarsi con una tipologia di squadra che non allenava da tempo. Vede, all’Inter aveva giocatori esperti, il nostro era un gruppo abituato a stare ad alto livello. E quindi lui sapeva perfettamente cosa chiedere, immaginava anche quali risposte avrebbe potuto ottenere. Alla Roma, in questa Roma, non è così. Ha un gruppo di lavoro giovane. Vedo ragazzi bravissimi, penso a Pellegrini, Ibanez, Zaniolo. E paradossalmente si impara di più da calciatori così, che devono ancora formarsi del tutto. Le due entità, tecnico e squadra, devono ancora conoscersi a fondo. Serve più tempo, è normale. E certamente è una sfida più difficile".

Quanto c’è stato di Mou, in quello scudetto strappato alla Roma nell’anno del Triplete? Ipotizziamo noi: dieci punti?

"No, più di dieci. Almeno la metà sono suoi. E il meglio lo dava quando ti motivava contro le piccole squadre, quando magari la voglia non era al top".

Questa Inter è ancora la favorita per lo scudetto?

"È senza dubbio la più forte. Mi piace anche il Napoli, ma è un gradino sotto. Vedo l’Inter avanti perché ha aggiunto gente di qualità come Dzeko e Calhanoglu, gioca meglio che con Conte. E perché in mezzo c’è un giocatore che mi esalta: Brozovic. Non era così prima, è cresciuto, ha una qualità di gioco impressionante".

La domanda sul pronostico l’abbiamo già fatta. Ce lo racconta un aneddoto con Mou?

"La volta in cui feci una doppietta a Siena per avere una settimana in più di vacanza post Natale si conosce già. Quel che non si sa, è che la scommessa la proposi io...così io partii felice e Mourinho perse. Ma in fondo, fu una vittoria anche per lui, no?".

tutte le notizie di