Stasera su Sky andrà in onda la puntata di 'E poi c'è Cattelan' con Antonio Conte grande ospite. Intanto, Tuttosport pubblica le prime anticipazioni che, ovviamente, interessano anche i tifosi interisti visto il gran parlare che si fa in chiave panchina nerazzurra. "Dove allenerò l’anno prossimo? Non so ancora dove andrò - ha ammesso l'ex manager del Chelsea -, ma sicuramente sceglierò una squadra che abbia un progetto che mi convinca".

Poi, giocando con alcune carte che raffiguravano gli scudetti di parecchie squadre, Conte ha via via scartato tutte tranne una, che appunto dovrebbe rappresentare la prossima sua tappa. Ovviamente, Cattelan ha nascosto al pubblico i simboli, mantenendo il segreto. Il racconto: "Cattelan ha eliminato due carte dicendo che «queste panchine sono già occupate e in una di queste città si mangia pure male». Facile intuire come l’opzione fosse il Manchester United - riferisce TS -. Una carta è stata scartata perché «qui il progetto proprio non c’è», un’altra è stata tolta da Conte senza dire una parola e quando sono rimaste solo tre opzioni, Cattelan ha preso una carta e ha chiosato: «Prendiamo questa?». Conte ha annuito e il conduttore, mettendo la carta nella busta, ha aggiunto: «Non ho scelto quella che vorrei, ma quella che penso». Frase che potrebbe far pensare come la prescelta non sia stata quella col simbolo dell’Inter, visto il tifo nerazzurro di Cattelan, ma non è comunque da escludere".

"A giugno arriverà l’annuncio - ha assicurato l'ex c.t. azzurro -. Vivo a Londra, mia figlia Vittoria studia inglese e le ho dato l’opportunità di continuare a studiarlo per tutto l’anno. La quotidianità è un problema perché noi viviamo a Cobham dove c’è la scuola di mia figlia, ma anche il centro sportivo del Chelsea e quindi il pensiero al calcio rimane fisso. Comunque la mia esperienza in Inghilterra è stata importante e soddisfacente. La polemica tra Mourinho e i tifosi della Juve? Lui ha vinto il Triplete e tre campionati col Chelsea, dunque ha la possibilità di fare quel gesto (le tre dita, ndr), però ci vuole rispetto, verso il pubblico, ma pure verso di lui. Ma lui ha vinto tanto e in quel gesto c’è tutto di Mourinho".

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - NICOLAS PÉPÉ, IL LILLE HA UN CRAQUE DA 60 MILIONI

Sezione: Copertina / Data: Gio 18 Aprile 2019 alle 08:15 / Fonte: Tuttosport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni
Vedi letture
Print