FC Inter News
I migliori video scelti dal nostro canale

copertina

Bastoni: “Inzaghi ci ha dato la libertà di ricordarci che il calcio è un gioco”

MILAN, ITALY - OCTOBER 19: Alessandro Bastoni of FC Internazionale in action during the UEFA Champions League group D match between FC Internazionale and FC Sheriff at Giuseppe Meazza Stadium on October 19, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Mattia Ozbot - Inter/Getty Images)

"Ad Anfield sarà stupendo" E su Lautaro: "I rigori deve batterli lui. Solo chi non tira non li sbaglia".

Egle Patané

Campione d'Italia e d'Europa nel giro di poco più di due mesi, Alessandro Bastoni, uno dei pilastri della difesa di Inzaghi e prima ancora di Conte. Dall'infanzia ai sogni, passando per gli idoli, senza dimenticare le emozioni e i momenti vissuti tra la cavalcata verso il 19esimo scudetto e il tetto d'Europa, il difensore nerazzurro si racconta a La Repubblica. 

Sua madre alla festa scudetto la imboccò con la pizza e le pulì la bocca con un tovagliolo.

"La sento sempre vicina. Mi dà pace tornare da lei a mangiare un piatto di tortelli. Fatti in casa, così il nutrizionista non si arrabbia".

Chi è il suo idolo nel calcio?

"Sergio Ramos. Ammiro tutto di lui, come sta in campo, la personalità. Per il compleanno mi ha regalato la sua maglia. Ho anche potuto parlarci".

Cosa vi siete detti?

"Bella domanda, parlava spagnolo... Ma ho percepito la persona, oltre al giocatore. Come con Materazzi".

Ramos e Materazzi. La cattiveria agonistica si impara o è una dote?

"Puoi lavorarci, ma non è semplice. Comunque è una leggenda che i giocatori bravi tecnicamente siano molli di carattere".

Vorrebbe essere più cattivo?

"No, anzi. C'è stato un periodo in cui prendevo troppi cartellini. Certo, posso crescere in tutto, grazie a compagni eccezionali".

Dove può arrivare questa Inter?

"È bello avere lo scudetto sul petto, proveremo in tutti i modi a tenercelo. Poi c'è la Champions".

Come ha reagito quando all'Ajax si è sostituito il Liverpool, per un sorteggio errato?

"Io non bestemmio, se è questa la domanda. Ho anche scritto la prefazione al libro di un parroco. Scherzi a parte, dovremo fare due grandi partite. Giocare ad Anfield sarà stupendo".

Vi divertite in campo?

"Sì. Inzaghi ci ha dato la libertà che permette di ricordarci che il calcio è un gioco. Tranne quando perdi".

Con il Cagliari lei è entrato in area avversaria dribblando chiunque...

"Ogni tanto mi piace uscire dalla mia zona. Vista l'occasione, ho provato a segnare. Non è andata bene, speriamo nella prossima".

Fuori dal campo scherzate sempre come sembra, o i social esagerano la realtà?

"I social purtroppo non esagerano un bel niente... Diciamo che abbiamo molta voglia di divertirci".

Gasperini, Conte, Inzaghi, Mancini. In base al carattere, che coppie formerebbe?

"Metto Gasperini con Conte e Mancini con Inzaghi. I primi due sono sempre sul pezzo. Inzaghi e Mancini, oltre al fortissimo impegno, curano il contatto umano. Il risultato è che sei più rilassato nei momenti cruciali".

Conte blindò la difesa abbassando il baricentro della squadra. Inzaghi ha invece alzato il pressing.

"Oggi abbiamo meno possibilità di contropiede. Edin e Romelu sono diversi, ci siamo adattati".

Sente la responsabilità di dover ereditare la difesa della Nazionale da Bonucci e Chiellini?

"Sento semmai la fretta. Non vedo l'ora di essere protagonista anche lì".

L'unico errore vistoso della sua carriera è stato in Italia-Spagna all'Europeo, ma è stato capace di tornare subito sui suoi livelli. Dove ha trovato questa maturità?

"È carattere, sono tranquillo. Oltre al calcio ho sempre in testa altri pensieri che mi danno pace. A partire da mia figlia, che nascerà a gennaio".

Se l'Italia non dovesse farcela a marzo, l'assenza dal Mondiale si allungherebbe a 12 anni. Il pensiero la spaventa?

"Non è nell'anticamera del nostro cervello. Siamo campioni d'Europa in carica, dobbiamo farcela".

Chi meritava il Pallone d'oro?

"Visto che io non ero in lista, Lewandowski o Jorginho".

In Nazionale deve ancora batterli lui i rigori?

"Certo, come Lautaro all'Inter. Solo chi non tira i rigori non li sbaglia".

Con Eriksen vi sentite?

"Sì, è stato lui a rassicurare noi, non viceversa. Gli auguro di vivere la vita che desidera e che merita. Oltre che un campione è una grande persona".

Con Hakimi e Lukaku?

"Hakimi è mio compagno alla Playstation, ed è scarsissimo. A Romelu ho fatto l'in bocca al lupo per la nuova avventura".

Lo schema del lancio per Barella del 2-0 in Inter-Juve se l'è portato in Inghilterra Conte?

"No, lo proviamo sempre. Ho vinto l'ultima partitella con quello schema. Il problema è che gli avversari ci studiano, dovremo inventarci cose nuove".

tutte le notizie di