"Stasera finalmente siamo riusciti a vedere un INTER diversa , le intenzioni richieste erano buone , e sono state accontentate, non ha tradito la mente , la difesa ha ritrovato in questi 90 minuti una solidità ormai assente da troppo tempo, complice gli infortuni, ma soprattutto un vuoto collettivo di idee, mentre per le gambe rimane qualche sbavatura , vedi Perisic che brucia qualche opportunità, mentre altre palle goal sprecate dalla frenesia. Comunque a tratti squadra coraggiosa contro l' avversario più forte del campionato, che non merita di essere secondo, visto le sorti cambiate per causa di un susseguirsi di eventi, Roma perde col Milan, Roma vince col Napoli, Juve vince allo scadere con la Lazio, Roma continua a vincere , Milan vince allo scadere e Lazio pareggia allo scadere. Mentre noi sembriamo semplici spettatori , invece siamo stati artefici principali di questo rovesciamento almeno in termini di qualificazione Champions. Stiamo ancora a leccarci le ferite dei tanti punti persi in quel filotto di partite che anche se potevi non realizzare il bottino pieno , ti dava una tranquillità al terzo posto a pochi punti dalla seconda. Pareggiare 9 partite e perderne 3 quando Roma e Lazio rispettivamente ne hanno pareggiato 5 entrambe e perse 6 i giallorossi e 7 i biancocelesti. Basta vincerne almeno 4 di quelle 9 pareggiate , e con 12 punti sei terzo a 64 e una partita on meno. Non è fantacalcio ma era fattibile , come le partite contro il Napoli preceduta da tanta pressione o aspettative, che stasera è stata gestita bene, così come sarebbe stata affrontata e giocato il derby. È stato messo in discussione anche il lavoro del Mr Spalletti, non esente comunque da alcune colpe. Una su tutte non aver avuto il coraggio di cambiare non solo il modulo, ma anche glu uomini, per Candreva, e altri, è stato possibile panchinarli visto il calo di rendimento, lo stesso metro di misura non è stato applicato per Perisic. Calciatore che mi è sempre piaciuto , ma come nelle scorse stagioni, nei momenti bui e difficili , si è reso protagonista insieme agli altri di deficit ingiustificati, dovuti in parte a un sentimento tanto diffuso in questi ultimi campionati, ovvero il poco attaccamento alla MAGLIA. Questo per colpa della assenza della SOCIETÀ, che almeno una volta a settimana dovrebbe dare lezioni di INTERISMO , nei confronti dei calciatori ma anche presente in modo costante nella comunicazione mediatica per contrastare le continue uscite giornalistiche che tutte le settimane attaccano e cercano di ledere continuamente l' immagine della FC INTERNAZIONALE, cercano di cancellare quanto di buono ha fatto l' INTER quando vinceva qualche anno fa. Per questo ci vogliono e non è una idea originale degli uomini bandiera come Baresi, Oriali, Stankovic Cordoba….uomini che hanno vinto e insegnino i valori NEROAZZURRI tanto celebrati questa settimana nei 110 anni della nostra SQUADRA. Una loro costante presenza, a rammentare che è vero che non si vive di solo ricordi ma come un gruppo negli anni passati solo per il fatto di essere un gruppo e lottare per quei colori, anche in doppia inferiorità numerica vinceva un derby o una partita( Samp)importante per continuare la sua lotta per lo scudetto contro la Rubentus , seconda a 3 punti. O sempre contro la Samp e sempre in doppia inferiorità numerica , pareggiava ma non si dava mai per vinta , combattendo . AMALAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA".

Nicola

 

"Signori Buongiorno Qualche giorno fa scrissi che la cosa che mi sarebbe importata di più, al di là del risultato sempre importantissimo, sarebbe stato vedere gente che si impegna. Concetto ribadito all'ingresso di S. Siro ieri sera, e per fortuna "esaudito". Ho visto una squadra molto corta, che non ha dato 1,000 occasioni al Napoli (ricordiamo che contro la Roma hanno tirato 25 volte), che anzi ha tenuto l'avversario a volte nella propria metà campo e si è anche districata spesso bene dagli intoppi in difesa (nei quali spesso ci ficchiamo da soli). Rafinha bene, Gagliardini anche, e Brozovic molto bene: da qui la prima domanda; ma perchè a volte sembra non essere in campo né con la testa né con i piedi, e poi fa gare ottime (e si offende se glielo dici)? Purtroppo abbiamo sempre lacune a sinistra (evidente che né D'Ambrosio né Cancelo vi si trovino bene) e con attacco "spuntato" perchè Perisic non riesce più a saltare un uomo, ed Eder è l'ombra di un giocatore affidabile, anche se entrambi si impegnano. Ciò detto, leggo a destra e a manca ma le parole di Spalletti sono ancora una volta chiarissime: la squadra questa volta si è impegnata ed ha giocato bene di squadra, ma manca ancora qualità. Che sia qualità di giocatori (qualcuno servirebbe) che di atteggiamento (magari si riferiva al modo di allenarsi, chissà) in entrambi i casi è un concetto assolutamente condivisibile. Tanto quanto la sua domanda sulla prossima partita: giocheremo ancora bene? O bisogna coccolarli ancora un pò per avere prestazioni decenti? Amala, ma davvero però".

Matteo

 

"Un punticino contro il Napoli si può accettare....resta la cronica difficoltà nel trovare il gol...un tiro di Candreva a coronamento dell'unica azione della partita fatta di ripartenze con un tocco nel primo tempo e il palo di Skriniar nel secondo tempo.....tutto qui....Perisic e Icardi praticamente nulli per tutta la partita,mai pericolosi senza un tiro in porta ....per fortuna che ha retto bene la difesa con il solito Skriniar baluardo insuperabile per chiunque passi dalle sue parti e anche il centrocampo ha fatto il suo dovere con Brozovic nella sua miglior partita della stagione....Spalletti si è lamentato a fine partita della poca qualità della squadra soprattutto nelle ripartenze ed è vero.....secondo me sta passando dalla carota al bastone con i suoi giocatori...prima li difendeva dicendo che erano i migliori quando bene o male i risultati arrivavano....adesso che negli ultimi due mesi e mezzo abbiamo vinto solo due partite ne sottolinea i difetti.....mi auguro che questo possa toccare l'orgoglio dei nostri calciatori spronandoli a dare il 200%....anche perché ci avviamo verso la fase finale del campionato e non ci deve essere più spazio per le PAURE.....un ultima considerazione....credo che 4 minuti per Karamoh siano veramente pochi....Mister non sottovaluti il francese !.....amala .....".

Francesco

Sezione: Visti da Voi / Data: Lun 12 Marzo 2018 alle 22:11 / articolo letto 5900 volte
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit