"Buonasera, penso che il mio avvertimento lo leggerete in ritardo, ma se siete ancora in tempo evitate se l'avete registrata e non vista, di guardare una partita giocata scandalosamente male.Perdereste anche la minima speranza di arrivare in Champions, tenete l'unica cosa buona della serata:il risultato e i 3 punti. E'stata una lunga e lenta agonia, alla fine siamo ancora vivi ma ho visto uno dei primi tempi più brutti della storia dell'Inter, con i nostri che sbagliavano passaggi talmente facili che nemmeno invertendo le scarpe sbagli. I centrocampisti della squadra del dopo lavoro dei minatori corrono più dei nostri, Eder è un fantasmino come sempre, il Benevento che fino ad ora ha sempre perso in trasferta ha fatto un figurone e solo la sua cronica incapacità nel gioco aereo le ha fatto perdere la partita. Il mago di Certaldo, dopo aver incensato Nagatomo definendolo uno bravo(ed era il migliore a sinistra) che poi ha sostituito con sciagura Santon, poi con lo spaventato Dalbert quindi con Cancelo e ora con D'ambrosio, non ha capito che il terzino sinistro mancino che si sovrappone e porta via un uomo a Perisic era una necessità a Gennaio. Io non sono per mandare via Spalletti, ma tutti voi giornalai e opinionisti che lo avete definito l'uomo in più e il vero fuoriclasse dell'Inter, in base a cosa continuate a difenderlo che non abbiamo mai giocato bene?? e se il merito delle vittorie era suo, perchè la colpa delle sconfitte è di altri??? Io sono sempre per una difesa a 3 o a 4 con Cancelo alla Dani Alves come nella Juve l'anno scorso. Ed è ora di far fare dei minuti ad Emmers, il ragazzino belga è proprio forte. Altri come Gagliardini e Candreva che con Pioli giocavano diversamente e molto meglio con Spalletti sono peggiorati clamorosamente. Beati Voi che non avete visto la partita di questa sera, perchè altrimenti l'unica speranza di andare in Champions è che l'Uefa apra anche alla 5°/ 6° italiana".

Diaz

 

"Qualche settimana fa cercando di suonare la carica il ritornello era :” bisogna ripartire dal I° tempo del Udinese o dal II° tempo della Roma”; da ieri sera si potrebbe dire bisogna ripartire da questi 3 punti. Sicuramente i 3 punti dovrebbero essere il monito di come una vittoria sia importante per cambiare la classifica e anche l’ umore, e come la classifica poteva essere diversa già diversa da un mese a questa parte quando il calendario della BENEAMATA vedeva nel ordine Spal, Crotone, Bologna e Genoa. Squadre da rispettare ognuna con il suo obiettivo, ma già per il solo atteggiamento comunicativo posto in essere nella settimana che precede il match , moda lanciata dal Pordenone, venivano accomunate dal solito mantra “ che avrebbero fatto di tutto per ostacolare o far continuare il trend negativo del INTER”, ragion per cui i “ PROTAGONISTI” della compagine NEROAZZURRA dovevano vincere ad ogni costo queste partite non solo per centrare la qualificazione Champions , come da sempre dichiarato, ma riscattare la propria dignità. Di fatto doveva essere così , e invece poco ci è mancato anche ieri sera contro il Benevento, ultima in classifica, venuto a Milano per nulla impaurito o impressionato dal atmosfera che suscita San Siro. Ha cominciato a giocare serenamente tanto da impensierire non poco i TIFOSI allo stadio, davanti alla Tv o alla radio. Ieri sera è stata la prima partita che non sono riuscito a vedere, ma seguendo radio Rai e il live della redazione FC INTER news, le parole della cronaca erano le stesse delle ultime uscite neroazzurre:” idee poco chiare, giocate prevedibili, errori nel disimpegno, INTER succube di tensioni e ansia, imbarazzante, non si vede luce in fondo al tunnel, manovre macchinose…..L' unica differenza lo ha fatto il risultato , in quanto le due reti segnate nel arco di pochi minuti ha indirizzato il resto della partita , e la paura di far male ad ogni tocco di palla e mancanze di idee ha lasciato il posto alla scioltezza. Ieri sera altra conferma sono le costanti prestazioni insufficienti di Perisic, Candreva, Gagliardini e Vecino, emblematica la palla persa al fischio d' inizio, tutti titolarissimi che avevano contribuito a spingere l' INTER fino ai vertici di classifica, e invece ora puntualmente la stanno affossando , e cosa ben più grave deligittimandola nel sacro tempio della Scala del Calcio. Scala del Calcio dove a tratti , molti TIFOSI sembrano aver accolto l' appello alla pazienza del editoriale di Fabio Costantino, ma Fabio , ti voglio dare del Tu, lo sai meglio di me che la pazienza molti TIFOSI la portano , il fatto è che dopo 7 stagioni , quest' anno si ci credeva molto di più , dopo l' arrivo di Spalletti, con lo stadio sempre gremito, nonostante la delusione del mercato estivo dove ognuno di noi aveva sperato in qualche acquisto faraonico, speranza alimentata dalle dichiarazioni della dirigenza di 2 stagioni fa al cambio societario, risultati ottimi fino a Dicembre. Insomma gli ingredienti sembravano esserci tutti per un terzo posto garantito e perché no, in termini di punti un distacco minimo sulla seconda. Il tuo appello invece sembra non essere stato accolto dalla Società che latita su tutti i fronti compreso quello della comunicazione , rispondendo alle accuse velate di Spalletti difendendo l’ operato di Suning, o come Wanda Nara che ha perso un ‘ altra occasione di stare zitta e invece puntualmente in periodo ostile ci mette del suo con le dichiarazioni in merito ad un possibile addio di Icardi. Come da me definito in altre occasioni un buon bomber, ma niente a che vedere con OTTIMI e COMPLETI CALCIATORI anche dal punto di vista umano come Milito. Ergo rinnovo, con clausola alzata a 150/60 mln e a fine Mondiali venduto senza tanti rimpianti, anche perché un buon capitano avrebbe gestito diversamente le sortite della moglie/manager. Ora testa e serietà a preparare tutte le tre prossime partite difficili che impegneranno la nostra INTER. AMALAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA".

Nicola

 

"Gentile Redazione, scrivo subito dopo la vittoria sul Benevento per dimostrare ancora una volta, qualora ce ne fosse bisogno, come il vero tifoso non si fa illudere dalle vittorie, ma vede sempre con occhio distaccato le cose che non vanno; Cosa voglio dire ? Voglio dire che, come tutti, sono felice per i tre punti ottenuti, tre punti che ci hanno permesso, almeno per il momento, di interrompere la scia, veramente ridicola, di prestazioni, ma hanno, ancora una volta, mostrato, una squadra in balia dell'avversario, almeno per un'ora; La prestazione di ieri sera ci ha dimostrato come, una volta sbloccato il risultato, la squadra si sia, all'improvviso, liberata dai complessi ed abbia, persino, sciorinato un bel calcio, a tratti, piacevole; L'ingresso di Karamoh, ha dimostrato come le soluzioni siano a portata di mano, basta solo cercarle: Sostengo da parechio tempo che fra Perisic e Candreva ( considerati i loro livelli attuali ), sulle fasce ne debba giocare solo uno; Abbiamo visto come l'ingresso di Karamoh, ha dato imprevedibilita' a tutta la squadra, vista la sua abilita' nello smarcarsi per ricevere palla, il suo continuo movimento, cosa che nessuno degli undici fa ( tutti fermi ad aspettare palla sui piedi ), che Candreva (secondo me, al momento, piu affidabile di Perisic ) puo giocare da interno. Ma quello che mi preme sottolineare e' un'altra cosa: il problema mentale; Questo benedetto problema mentale sembra una cosa astratta, un qualcosa che porta i calciatori a non metterci voglia, a farli giocare con sufficienza, a fargli commettere errori in continuazione, un qualcosa che fa parte delle scarse qualita' dei calciatori; Ma alora come ci spieghiamo che prima e dopo di venire all'Inter, tranne pochi casi, la maggior parte di loro si dimostra di essere un discreto giocatore ??? Forse, invece, dipende dalla Societa' che, acquistandoli, li presenta in pompa magna (Gabigol, Kongdobia, Joao Mario, Brozovic); Forse siamo anche noi tifosi, che li accogliamo come dei fuoriclasse, mentre devono ancora dimostrare (e non solo per una partita) il loro valore; Forse e' anche colpa dei giornalisti e delle televisioni (sappiamo che alcuni lo fanno apposta) che ne esaltano le gesta; Perche' questo discorso ??? Perche' ieri, dopo la partita, ho visto, seguendo le pagelle pubblicate dalla redazione, e seguite da quelle dei giornali, i voti assegnati ai singoli giocatori; Ebbene ho visto che Skrjniar e Ranocchia hanno ricevuto un bel 7: Capisco il mezzo voto in piu' per i gol ma, dare sette a due giocatori che, a livello difensivo, contro Coda e Gullierme, hanno fornito una prestazione scadente, facendo rischiare il gol in piu' di una occasione, mi sembra un po eccessivo; Significa esaltare, oltre i meriti, due giocatori cui si dovrebbe, invece, far notare gli errori commessi in fase difensiva e che, magari, la prossima partita andranno in campo convinti di essere dei fuoriclasse (occhio, anche Skrjniar, che e' sempre stato il migliore, nelle ultime 2-3 partite, comincia ad avere un calo di concentrazione); Ho visto Cancelo, che ha fornito una prestazione decente, e giocato sopra la media, ricevere lo stesso voto (6) di D'ambrosio (che molte volte ho difeso), che, invece, ieri sera, e' stato disastroso, falloso, nullo in fase offensiva e confusionario in fase difensiva; Ecco, forse, con questi errori che tutti, senza volerlo, commettiamo, uniti alla megalomania, insita, nella testa dei calciatori moderni (vedo calciatori (?) dell'Interregionale tenere atteggiamenti da superstar, manco fossero Maradona, figurarsi alcuni di serie A) otteniamo i risultati, che poi, si vedono in campo; AMALA". Santi "Doveva essere sulla carta la partita più facile del campionato con l'ultima in classifica....invece il primo tiro in porta è stato fatto al 54 del secondo tempo....semplicemente VERGOGNOSO....abbiamo vinto con due colpi di testa dei nostri due centrali su calci da fermo.....Non una azione da gol fatta nei 90 minuti....i giocatori hanno PAURA ....paura di sbagliare ,paura dei fischi dei tifosi ( il passaggio sbagliato dopo 4 secondi dall'inizio faceva già presagire come sarebbe stata la partita )....non fanno o non sanno più fare pressing sull' avversario....sono di una lentezza disarmate....la sensazione è che Spalletti non sa più cosa provare...io per esempio Karamoh lo farei giocare sempre non tanto per la spensieratezza o incoscienza come dicono tanti giornalisti ma semplicemente perché è più forte di Candreva....a centrocampo siamo messi male,é il reparto più debole della squadra....Rafinha purtroppo non ha ancora i 90 mn, il resto è poca cosa....io fossi in Spalletti , Zaniolo e Emmers li porterei in pianta stabile in prima squadra e se é il caso li farei subentrare al posto di chi trotterella in campo senza guardare in faccia nessuno.....tanto i centrocampisti che abbiamo non danno molte garanzie,insistere vuol dire farsi del male....Ci aspettano tre partite molto difficili a cominciare dal derby che in caso di vittoria potrebbe rilanciarci in campionato, viceversa sarebbe l'ennesimo anno buttato alle ortiche....".

Francesco

 

"Sono un medico ma, ahimè, non sono in grado di curare me stesso. La mia malattia si chiama Inter. Ahi voglia a ripetere che si tratta in fondo di un gioco, un banale gioco dove si può vincere o si può perdere. O forse il problema è proprio lì: non si può sempre perdere. E non si può sempre continuare a collezionare figuracce. Anni di figuracce. Mi viene sempre in mente quel bimbo con il suo cartello che diceva: "Per favore potete vincere che sennò a scuola mi prendono in giro..." Bene l'Inter è in grado di rovinare weekend su weekend a tutti gli interisti (Ligabue dixit). E ora ci dicono che i nostri giocatori sono bloccati, hanno paura, è un problema di testa. Boh, sarà... Ma possibile che tutti gli anni stiamo qui a ripeterci sempre la stessa cosa? Cambiano gli allenatori, cambiano i giocatori ma la sostanza non cambia mai e dico mai? Mi piace molto Spalletti con quel suo eloquio verboso eppur avvolgente, mi piace la sua impostazione ed il suo modo di intendere il calcio. Ma...ma ho il fondato sospetto che, ormai, neanche più lui (e mi auguro tanto di sbagliare) sia capace di sbrogliare il "solito" bandolo della matassa. E non è che un altro allenatore, a questo punto della stagione e con questi giocatori, sia in grado di risolvere alcunché. E allora? Allora che dobbiamo aspettarci per questo finale di stagione? Mah, soluzioni non ne ho, di sicuro il derby non lo vedrò che' sono stanco di soffrire sempre ... anche se la testa ed il cuore saranno sempre lì fino alle 22.45 per vedere il risultato finale su Fcinternews. Resistete ad amarla".

Domenico

 

"Caro Borrelli, prima della gara di sabato sera, ho mandato un sms ad un amico che all'incirca suonava così: "questi cazzari (a Roma significa persone senza peso) questa sera la partita la vincono perché altrimenti non uscirebbero da S. Siro. Poi tutto riprende nella deriva nota". Le cose sono andate esattamente così. Dopo il primo tempo, se fossi stato un dirigente dell'Inter negli spogliatoi sarebbe volato di tutto e le mie urla le avrebbero sentito fino a Sidney. Urlando e sfasciando ogni cosa sfasciabile, avrei detto: Adesso rientrate in campo e asfaltate campo e avversari che al vs confronto sembrano il Real Madrid (Sagna e Sandro nell'Inter attuale giocherebbero sempre). Altrimenti: 1. applichiamo il blocco stipendi fino a fine stagione. Se arrivate in Champions sarete pagati e liquidati tutti, perché nessuno di voi è degno di questa squadra e della sua gloriosa storia. Altrimenti non vedrete un euro. 2. Se non vincete, tutti in ritiro ad oltranza. 3. Se non vincete, restate qui tutta la notte a "parlare" con gli Ultras. Poi abbiamo trovato quei due gol per fortuna pura, ma la gara è stata ignobile. Ultima cosa: Gabigol in brasile fa due gol a partita. E nessuno che ci mette la faccia. Questo giocatore è stato tenuto due mezze stagioni senza dargli la possibilità di giocare 3 partite intere di seguito. Anzi, ha giocato 5 volte per 5 minuti. Divento matto di fronte a tanta insulsaggine e a come sprechiamo talenti su talenti. Saluti".

Enzo

 

"Buon giorno,Oltre ai soliti mali oscuri elencati in questi giorni che attanaglia l'inter negli anni e mai venuti a capo di niente ,fossero proprio i tifosi e san siro a rovinare la festa ogni anno?NOn tutti hanno un carattere forte ,come se non vedessero l'ora che tutto finisca per andare via ma via anche dall'inter.Sabato va bene primo tempo osceno ma sono ragazzi terrorizzati.Non voglio con questo dire che i mali dell'inter sono i tifosi ma non sono l'11 uomo come è di moda usare ogni tanto.IL ben pensante potrebbe dire ,paghiamo e abbiamo il diritto di fischiare,ma se questo ti porta risultati ok altrimenti cosa cazzo ti fischi.Il passaggio sbagliato a 2 m2tri è frutto di questo no di giocatori scarsi svogliati e bla bla ,si cagano addosso,del resto i buon gustai di san siro hanno fischiato Simeone,Matthaus,Ronaldo,ibra ecce ecc,gente con le palle che sopportavano il peso.Immagino Karamou al primo errore.....Domenica durante il derby sarebbe fantastico che ad ogni errore ci foss e incoraggiamento altrimenti il buon Gattuso ci fara male...Se vinciamo il derby in maniera convinta e anche no,ci salveremo altrimenti arriveremo ottavi...".

Mario

 

"Buongiorno redazione dopo avere assistito sabato la deludente partita contro il Benevento e aver visto ieri il Milan ,risultato scontato a favore del Milan che mette l anima e cattiveria agonistica ,cose che a noi mancano e gioco inesistente.sento dentro di me molta delusione verso Spalletti che non riesce a dare un volto a questa squadra,mi chiedo come sia possibile la trasformazione in negativo cosi evidente e come la società non riesce neanche lei a decifrare.Ripeto non saremo una squadra di campioni ma nemmeno cosi scarsi,credo che bisogna credere nelle proprie capacità e metterle a disposizione della squadra e se Spalletti non riesce a incutere questo ai propri calciatori sia onesto a dirlo,con questo concludo e spero in questa settimana scatti qualcosa a tutti perchè il ciclo di partite che affronteremo sono terribili.forza Inter".

Cosimo

Sezione: Visti da Voi / Data: Lun 26 Febbraio 2018 alle 20:03 / articolo letto 5403 volte
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit