"Buona sera redazione, oggi siamo tutti contenti , abbiamo vinto un Derby con goduria un rigore al 90 , penso che sia il massimo, forse meglio che un 4 a 0 . Posso dire che mi devo ricredere si Skriniar , un vero grande acquisto , anche oggi nei pochi interventi fatti, veramente bene. Bene Spalletti che sta facendo vedere come conta un bravo allenatore , con i giocatori che abbiamo sta facendo bene , solo che vedo , che sempre andiamo in difficolta' nel secondo tempo , ci sono pause di 20 ' 25 minuti dove gli avversari ci mettono in difficolta' , posso dire in tutte le partite , tranne Roma , che li siamo usciti noi. Comunque bene , ma ci vuole almeno 2 buoni giocatori a gennaio , perche' oggi in mezzo al campo siamo andati in grande difficolta'. Grande Maurito , ha migliorato tantissimo . AMALA SEMPRE".

Mauro

 

"Cara Redazione scrivo l'indomani del derby per congratularmi con la squadra. Ho visto un ottimo primo tempo, con buoni sprazzi di ottimo calcio. Nel secondo tempo però la storia è cambiata, Gagliardini a marcare Suso è quasi illegale, finchè è Kessie si annullano a vicenda ma con Suso non c'è storia, la partita è cambiata. Qui la colpa però è di Spalletti, troppo tardi è arrivata la mossa con l'entrata di Cancelo e quel biglietto che finalmente ha riportato un po' di ordine in campo. Pagelle: Handanovic: 7 ha salvato il risultato più volte, ha parato il parabile e ha avuto solo la sfortuna contro in occasione del secondo gol. Aveva preso anche quella. D'Ambrosio: 6,5 ottima partita, se gioca sempre così allora possiamo fare strada, il problema è che non è sempre di derby. Peccato che non sappia spingere come Maicon perchè nel primo tempo c'erano gli spazi per fare devastazione sulla fascia destra. Miranda: 5 colui che deve essere il leader, che deve guidare la difesa invece è quello che ha sofferto maggiormente, brutto errore nel primo tempo e ammonizione inutile poco dopo. Ci si aspetta di più. Skriniar: 7 ha cancellato Andre Silva nel primo tempo, ha fatto buona guardia su Cutrone nel secondo. Sembra lui il veterano e non il compagno di reparto. Nagatomo: 6 ha fatto quello che poteva, non è Roberto Carlos ma ha difeso bene, non mi è parso inpaurito come lo hanno descritto alcuni. Non ha spinto molto ma la palla a sinistra ci andava poco. Vecino: 6,5 non molto presente nel primo tempo, nonostante ciò giocato molto bene, entra in partita nel secondo, fa una calvalcata di 50 metri incredibile. Ha un unico problema, è lento a passare la palla. Gagliardini: 6 nel primo tempo cancella Kessie, nel secondo soffre e anche tanto Suso, nel primo gol del Milan ha qualche colpa. Candreva: 7,5 se fossero tutti derby anche per lui sarebbe quasi Robben, salta due votle l'uomo (record di tutti i tempi) e corre per sei, crossa bene (lasciando perdere il primo cross in curva). Sabato serve un' altra prestazione così. Borja Valero: 7,5 nel primo tempo fa quello che vuole in attacco, dipinge calcio e si vede che ha una mente superiore, cancella Biglia difensivamente, poi cala nella ripresa ma è naturale. Perisic: 5 ha il solo merito di aver fatto l'assist per il 2-1, corre tanto ma non è lo stesso di inizio stagione, sembra spento e senza energie, avrebbe bisogno di una scarica elettrica. Icardi: 9 ha vinto il derby da solo, due gol da attaccante vero, fenomeno, il rigore decisivo lui lo segna, Dybala lo sbaglia... (speriamo che si continui così). si sacrifica anche in difesa, vedi palla recuperata a Biglia per il secondo gol. Spalletti: 6,5 azzecca la formazione con Borja in avanti ma quando vede il cambio di Kessie non fa nulla, brutta scelta. Gagliardini non è adatto a difendere con giocatori veloci. Ha il merito di aggiustare il centrocampo con Cancelo prima che sia troppo tardi. Abbiamo vinto il derby e siamo a due su due come big-match. Aspettiamo Juventus e Lazio, intanto andiamo a Napoli consapevoli che siamo una buona squadra, se vogliamo. Sarà dura, molto dura, ma se domenica saremo in testa, facendo tutti i dovuto scongiuri, allora possiamo puntare in alto. Ricordate, il Napoli è forte ma nulla è impossibile. Un saluto".

Davide

 

"Gentile Redazione, è da poco finito il Derby di Milano che attendevo con grande curiosità per capire finalmente, dovendo esprimersi davanti ad una platea planetaria, di che pasta fosse fatta l'Inter, soprattutto a livello di gioco espresso. Ebbene, non mi dilungo in preamboli. Malgrado il risultato finale, ottenuto obiettivamente in modo immeritato solo grazie ad un rigore regalatissimo da Tagliavento, contro una squadra di derelitti come è il Milan attuale, non posso che affermare che l'Inter è la stessa degli anni passati. Tante parole e proclami (“Solo chiacchere e distintivo” per parafrasare un “cult” cinematografico) per poi vedere un derby penoso dal punto di vista dello spettacolo e giocato (!) da due squadre che la qualificazione in Champions League se la possono solo sognare, vista anche la super-Lazio che sabato ha sbancato (e asfaltato sul piano del gioco e della tenuta atletica la rubentus) lo stadium. Sono assolutamente consapevole che questi miei commenti, che escono dal coro dei peana entusiastici che i tifosi nerazzurri stanno in queste ore spargendo ai quattro venti, saranno accolti con disappunto dai più e tacciati di anti-interismo o, quanto meno, di tradimento verso gli amati colori. Meglio infatti sognare ad occhi aperti e già pronosticare una grande vittoria, tra una settimana in quel di Napoli, che proietti la Beneamata in vetta alla classifica e le spalanchi la strada verso il Titolo. Potrà anche succedere, ma intanto ieri sera ho, viceversa, nuovamente visto in campo una squadra noiosa, dal gioco monocorde ed irritante nella supponenza e nella mancanza di iniziativa da parte dei più. Solo qualche sprazzo o folata dei singoli a spezzare casualmente uno stucchevole ed arido possesso palla che può solo condurre lo spettatore alla sonnolenza. Sissignori: questa Inter di Spalletti è assolutamente identica, a livello di gioco, a quelle che l'hanno preceduta negli ultimi anni post-triplete. Ne guardo cinque minuti ogni sera e mi addormento senza dover prendere la camomilla!! E non mi si venga a dire che bisogna accontentarsi della classifica, in quanto questa è ancora più menzognera delle false promesse di Suning; l'Inter ha quanto meno sette punti in più immeritati, in quanto figli, oltre che del penalty inventato dall'arbitro ieri sera (mi piacerebbe ascoltare cosa avrebbero detto di Tagliavento i miei amici nerazzurri se questo rigore fosse stato assegnato in pieno recupero ai cugini..), del tuffo di Eder a Bologna che ci ha ingiustamente salvati da una sconfitta che sarebbe stata ineccepibile e del sacrosanto rigore negato alla Roma che l'avrebbe portata sul due a zero e tanti saluti alla “Banda Spalletti” che all'Olimpico è stata presa a pallonate per ottanta minuti ed ha, alla fine, vinto una partita che ne vinci così (di puro "culo") una ogni cent'anni... Ribadisco che sono consapevole di parlare da “non interista”, ma a quasi sessant'anni di età e dopo decenni di sofferenza (raramente ripagata) spesa per questi colori rivendico il diritto e la libertà intellettuale di dissentire ed uscire dal coro. A prescindere dal fatto che sono sicuro che questa squadra non si qualificherà infine per la C.L. (la fortuna, prima o poi, ti gira le spalle), esprimo il mio disappunto per continuare a vedere la mia squadra senza gioco, quasi unica non solo in Italia ma in tutta Europa, a non riuscire mai a proporre uno straccio di spettacolo. Non me ne frega niente della classifica e dei titoli (ammesso che mai arriveranno!); vorrei sedermi davanti alla TV e divertirmi a guardare la mia squadra che attacca ed emoziona, anche se poi alla fine non vince la partita. Meglio arrivare settimi in campionato divertendo i propri tifosi che primi proponendo lo stucchevole non-gioco di questa Inter. A questo punto non mi interessa già più come andrà a finire la stagione per l'Inter. Questi affaristi/arrivisti cinesi che hanno acquistato l'Inter ci hanno rubato anche le emozioni, per cui non perderò altro tempo a guardare una squadra che non sa emozionarmi. Mi divertirò a guardare, anche se non tifandole, la Lazio e la Sampdoria".

Paolo

 

Sezione: Visti da Voi / Data: Mar 17 Ottobre 2017 alle 03:30 / articolo letto 10440 volte
Autore: Redazione FcInterNews.it / Twitter: @Fcinternewsit