HANDANOVIC 6 - Freddato dal colpo astuto di Politano: impossibile per un portiere parare quel tipo di punizione. Poi normale amministrazione fino al destro sotto l'incrocio di Berardi. Diciamo che ha trascorso serate migliori...

CANCELO 5,5 - Meno frizzante del solito, sbaglia spesso scelta ed è anche poco preciso nei cross. Un piccolo passo indietro che però incide notevolmente sulla qualità di manovra dei nerazzurri.

RANOCCHIA 6 - La difesa nerazzurra viene sollecitata davvero poco nella prima ora di gara, almeno fino a quando Spalletti non sbilancia la squadra. Andrea fa il suo con diligenza e merita gli applausi al cambio. (Dal 76' BORJA VALERO 6 - Corre tanto e prova a gestire gli ultimi palloni con saggezza. E in effetti, la sfera scorre via con maggior linearità grazie a lui).

SKRINIAR 5,5 - Quando Berardi gli scappa via nel primo, lui rimedia senza perdere la bussola e limita i danni. Poi, però, sbilancia troppo il corpo nella finta dell'avversario, che poi insacca lo 0-2 col piede meno nobile (il destro).

D'AMBROSIO 5,5 - Lascia a desiderare in fase di attacco, ma questo deriva come noto dal fatto di giocare a sinistra. Per il resto, partita lodevole dal punto di vista dell'impegno e dell'abnegazione tattica.

VECINO 5,5 - Spalletti sceglie lui in mezzo al campo, ma l'uruguaiano non sembra in grandissima serata. Qualche sgroppata, un paio di contrasti vinti, ma anche idee troppo spesso banali. (Dal 71' EDER 5,5 - Il voto è la media tra il movimento che fa, le idee che ha (gran palla di petto per Icardi) e la lentezza nel concludere: due gol mancati perché ci mette troppo nel calciare verso Consigli).

BROZOVIC 6 - Ha sulla coscienza il fallo che conduce alla punizione dello 0-1, che poi tanto fallo non è. Non brilla come negli ultimi mesi, però è continuo nel cucire gioco e sventaglia da par suo. È lui a imbeccare Perisic sul finire di primo tempo, poi Icardi se lo mangia.

CANDREVA 5 - Prova incolore dell'esterno nerazzurro. Svaria tanto, ma sbaglia altrettanto. Si ha la sensazione che non riesca a trovare le zolle giuste dove andare a incidere. (Dal 58' KARAMOH 6 - Decisamente più ispirato del compagno al quale subentra. Offre un contributo di imprevedibilità e freschezza, creando anche qualche buona situazione con azioni personali).

RAFINHA 6,5 - Si danna l'anima da vero leader. Prova a ispirare nella mischia neroverde e alla fine ne esce vincitore con un mancino che bacia il palo e riapre il match. Champions o non Champions, questo è un uomo – prima che un giocatore – da tenere.

PERISIC 6 - Non sempre continuo, a volte impreciso, ma la palla che offre a Icardi sarebbe solo da spingere in porta. E anche nel secondo tempo è tra i più vivaci: corre fino allo sfinimento, scatta anche al 96'. Meriterebbe miglior fortuna.

ICARDI 4 - Divora il gol del pareggio sul finire di primo tempo: bravissimo Consigli, però non insaccare da pochi passi resta un errore grave. La maledizione neroverde continua anche nella ripresa, con almeno altre due clamorose palle-gol sbagliate in maniera inconsueta.

ALL. SPALLETTI 5,5 - Si capisce subito che non sarà una serata semplice per i suoi e quando Politano realizza ecco che le sue parole in conferenza trovano conferma. Aggiusta in corsa la sua creatura, cambiando un'infinità di moduli. Avrebbe bisogno di qualche carta in più in panchina, che però non ha. Ora spera nel Crotone: quella dell'Olimpico può ancora essere una finale.

SASSUOLO: Consigli 8; Lemos 7,5 (84' Letschert sv), Acerbi 7, Dell'Orco 7; Adjapong 6,5, Missiroli 6, Magnanelli 6, Duncan 6,5, Rogerio 6,5; Berardi 7 (79' Ragusa sv), Politano 6,5 (71' Babacar 6). All. Iachini 7.

ARIBTRO: ABISSO 6 - Non deve intervenire troppo in un match tutto sommato corretto. Sarebbe stato il caso, semmai, di accelerare i tempi per via delle continue perdite di tempi degli ospiti. Piccolo dubbio sulla punizione che porta allo 0-1: Brozovic sembra solo sfiorare Adjapong che poi va a terra.

ASSISTENTI: Del Giovane 6,5 - Prenna 6,5.

VIDEO - GUARIN, EFFETTO BOMBA: CHE GOL CONTRO IL CHONGQING LIFAN

Sezione: Pagelle / Data: / articolo letto 18929 volte
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni