Dopo il 3-0 di puro cinismo dell'andata, una Juve da trincea ha ribattuto tutti gli assalti del Barcellona in versione rimonta mancata al Camp Nou. E la mente, per il giornalista Ivan Zazzaroni corre subito all'impresa che riuscì all'Inter di José Mourinho tripletista a fine stagione: "Al Camp Nou abbiamo visto una Juve così poco ortodossa quanto palpitante - si legge sul sito del Corriere dello Sport -. In alcuni momenti mi ha ricordato l’Inter di Mourinho che – a lungo in inferiorità numerica – riuscì a fermare un Barcellona forte e scorbutico. Me l’ha ricordata soprattutto per lo spirito di sacrificio e l’attenzione posta nella fase difensiva, quella barriera a sei protetta spesso da tre e talvolta quattro tenori contro la quale Messi, Neymar e Suarez sono andati più volte a sbattere. Ovviamente questa Juve, a differenza di quell’Inter in dieci, ha anche provato a colpire. Lucida, la voleva lucida Allegri per superare un Barça decisamente più in palla di quello di Torino: e lucida (e disciplinata) l’ha avuta e mostrata. Dybala è dentro, Messi fuori. Con la sua barba rossastra e la certezza che dopo tanti anni non concorrerà al Pallone d’oro. Comincia però a sognarlo Buffon, a 39 anni". 

Sezione: News / Data: Gio 20 Aprile 2017 alle 19:46 / articolo letto 6737 volte
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari