VERSIONE MOBILE
 Lunedì 20 Ottobre 2014
NEWS
  VS  
Inter   Saint-Étienne
[ Precedenti ]
PALLONE D'ORO NERAZZURRO - INTER-NAPOLI, CHI È STATO IL MIGLIORE?
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

NEWS

Il dott. Cerri: "Sneijder, non c'è mobbing perché..."

03.12.2012 21:07 di Fabrizio Romano Twitter: @FabRomano21  articolo letto 2422 volte
Fonte: Calcio.fanpage.it
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Il dott. Simone Cerri, procuratore ed esperto di diritto sportivo che ci ha spiegato come stanno realmente le cose da un punto di vista giuridico per Wesley Sneijder.

Dott. Cerri, la FifPro ha denunciato il caso Sneijder catalogandolo senza mezzi termini come “mobbing”. Ci sono gli estremi per un atto vessatorio della società verso il giocatore?
"Gli estremi non ci sono ma vanno fatte alcune premesse: il mobbing è stato riconosciuto per la prima volta nel 1999 dal tribunale di Torino e poi dalla Cassazione nel 2002. In pratica si tratta delle conseguenze fisiche legate a ingiusti trattamenti vessatori sul posto di lavoro. Per la giurisprudenza la tutela è legata al risarcimento civile come danno biologico e anche come danno morale se il comportamento del datore integrasse un reato: in sostanza però è necessario che la patologia che si dimostri essere conseguenza del comportamento del datore di lavoro sia documentata clinicamente (oppure anche da testimoni)".

E per Wesley Sneijder e l’Inter?
"Si può già dire che non è questo il caso e del resto l’Inter non può eccepire che i suoi comportamenti sono legittimi dato che la Corte Costituzionale (2003) ha chiarito che i singoli fatti possono essere anche leciti, ma devono essere valutati nell’effetto che causano al lavoratore. Nel calcio si è cominciato a parlare di Mobbing nel 2004 con il caso Zanin, l’unico che sia arrivato ad una condanna per mobbing, mentre negli altri casi in cui si è paventato un ricorso per detto motivo, le parti hanno sempre trovato un accordo (in primis i casi di Cassano contro la Roma e Iaquinta contro l’Udinese 2005)".

Ancora una volta, dunque, il calcio fa giustizia a sé?
"Questo accade perché nel mondo del calcio il mobbing ha in realtà una valenza ed un filo conduttore evidente, ossia il disaccordo tra le parti in merito al rinnovo del contratto. In generale, il calciatore ha utilizzato spesso questo termine per avere un’arma da utilizzare contro il club sportivo, mentre quest’ultimo, dopo la sentenza Bosman, non potendo ottenere nulla dalla cessione del giocatore a fine contratto, ha cominciato ad escludere il giocatore “bizzoso” dalla prima squadra. Sono rari i casi di autentico mobbing, come quello (particolare e triste) di Zanin contro il Montichiari".


Altre notizie - News
Altre notizie
 

PARI DI RABBIA. MA ORA VINCA A CESENA

Al termine della partita ho in mente parecchie Inter della storia riunite nell'identità di quella attuale. Ho già visto altre gare rocambolesche, del tutto inconciliabili con quelle di una squadra che doveva puntare a vincere uno scudetto, eppure intrise di...

MACCHINA DA GOL, GOLDEN BOY, MENTALITÀ: CHE PRIMAVERA! THOHIR ORA GONGOLA

Nonostante i due derby Primavera vinti su altrettante presenze in tribuna, non può essere Erick Thohir il segreto della squadra allenata oggi da Stefano Vecchi. Il presidente si è confermato un talismano da riproporre al match di ritorno, ma i numeri dicono che la r...

FCIN - RINNOVO DI JONATHAN IN STAND-BY. LA SOCIETÀ ORA RAGIONA SU UN FATTORE

Jonathan e un rinnovo che potrebbe arrivare, ma che, nonostante il giocatore andrà in scadenza nel prossimo...

INTER-NAPOLI - MEDEL E JUAN DOMINANO, KOVACIC A TRATTI

HANDANOVIC 6 - Qualche uscita con i pugni dove servirebbe la presa ferrea e un intervento non facile su Callejon. Incolpevole...

BARDI CI METTE... LA FACCIA, BIRAGHI KO. DI GENNARO ROSSO

Una faccia, un rosso e un estraneo. Può essere riassunto con queste parole l'ultimo week end canterano,...

D'AMBROSIO TALLONA KOVACIC, SI RIVEDE ANCHE DODÒ

Dopo gli exploit di coppa, Danilo D'Ambrosio convince i tifosi nerazzurri anche a Firenze, pur in un contesto a dir poco...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 20 Ottobre 2014.
 
Juventus 19
 
Roma 18
 
Sampdoria 15
 
Milan 14
 
Udinese 13
 
Lazio 12
 
Napoli 11
 
Hellas Verona 11
 
Inter 9
 
Fiorentina 9
 
Genoa (-1) 8
 
Torino 8
 
Atalanta 7
 
Empoli (-1) 6
 
Cesena 6
 
Palermo 6
 
Cagliari 5
 
Chievo Verona 4
 
Sassuolo 4
 
Parma 3

   Editore: Dieffe Media Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.