Domenica 20 Aprile 2014
LA MEGLIO GIOVENTÙ
26 Apr 2014 20:45
Serie A TIM 2013-2014
  VS  
Inter   Napoli
[ Precedenti ]
PALLONE D'ORO NERAZZURRO - PARMA-INTER, CHI È STATO IL MIGLIORE?
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

Daily Network
© 2014
LA MEGLIO GIOVENTÙ

Alen Stevanovic a FcIN.it: "Grazie Mou. Ricordo quell'Inter-Siena..."

16.02.2012 19:00 di Giuseppe Granieri  articolo letto 13580 volte

Alen Stevanovic è il prototipo del calciatore moderno: dotato di tecnica sopraffina, un sinistro che è una poesia, ma straripante anche dal punto di vista fisico. Alen, serbo nato a Zurigo nel 1991, trequartista, ala destra ma che sa svariare anche sul fronte opposto, è uno di quei giocatori che possono fare impazzire una curva e un intero stadio. A metà tra Inter e Torino – il prossimo giugno i due club dovranno incontrarsi per decidere il futuro di questo ragazzo – Stevanovic è uno di quelli che mette d’accordo un po’ tutti.

Antonio Bartolomucci, giornalista Mediaset, di ritorno da un allenamento dell’Inter di Mourinho disse: “Ragazzi, ho visto un certo Alen Stevanovic oggi: qualcosa di incredibile, fortissimo, un campione, tra 2-3 anni”. Giorgio Parretti, agente Fifa, fu il suo primo procuratore in Italia, poco più di due anni fa ci raccontò la storia di Stevanovic (che potete leggere qui), quando ne parla riporta sempre un clamoroso particolare di quando Alen fece il suo primo provino al Torino: “Ricordo che quando iniziò quella famosa partita che impressionò i dirigenti del Torino gli si ruppe una scarpa da gioco ma lui non disse nulla e continuò a giocare come se nulla fosse successo: incredibile!”. Insomma, un  tipo davvero tosto questo Alen Stevanovic, del quale anche noi, di recente, abbiamo raccontato la sua storia.  Ma adesso, lasciamo che a parlare sia proprio lui, il nuovo protagonista della rubrica “La meglio gioventù”.

Alen, diventare un calciatore professionista è sempre stato il tuo sogno?

“Sì, fin da bambino la cosa che mi piaceva più era giocare a calcio”.

Ti ricordi come sei arrivato all’Inter?

“Ho fatto un provino nel gennaio 2009: il mister era Vincenzo Esposito, il dirigente era Piero Ausilio (attuale direttore sportivo nerazzurro, ndr). Sono stato lì per qualche giorno, poi si è liberato un posto da extracomunitario e così è cominciato tutto…”.

Come sono stati i primi tempi all’Inter?

“I primi sei mesi ho fatto un po’ di fatica, anche solo per le difficoltà con la nuova lingua. Poi, dall’estate tutto è migliorato e mister Fulvio Pea mi ha preso per mano e sono cresciuto”.

Con chi hai stretto amicizia e con chi hai rapporti oggi?

“Ogni tanto mi sento con Mattia Destro, Joel Obi, Denis Alibec, Jean Mbida e Luca Caldirola. Oltre a loro mi sento spesso con Alfonso Bonitto, il nostro tutor”.

Nel 2009-10 hai fatto benissimo nella Primavera: ti senti di ringraziare qualcuno della società?

“Fulvio Pea, Piero Ausilio e anche Josè Mourinho per l’esordio in serie A”.

Che ricordi hai di quella pazza Inter che riuscì a rimontare il Siena da 2-3 a 4-3 in pochi minuti il 9 gennaio 2010? Quello, poi, è anche stato il giorno del tuo esordio in prima squadra.

“Ho ricordi nitidi e precisi: pioveva a dirotto, facevo riscaldamento nel tunnel, a un certo punto mi chiamò il vice, e io fui sorpreso ed emozionato. Partita emozionantissima!”.

Poi, la tua carriera ti ha visto approdare a Torino: questo è il tuo secondo anno lì, dopo una breve esperienza al Toronto: ci parli di questa tua avventura granata? Qual è il vostro, e il tuo, obiettivo?

“Nel Toro mi trovo molto bene, la società crede in me, qui c’è un gruppo fantastico ed un allenatore con tanta esperienza. A Torino sto bene, è anche un bella città: l’obiettivo mio, e della squadra, è quello di vincere il campionato”.

Cosa ti piace fare nel tempo libero? Torni mai a Milano?

“Gioco alla playstation, sto a casa… Ogni tanto faccio un salto a Milano perché abbiamo poco tempo libero”.

Cosa vedi nel tuo futuro? Vorresti tornare all’Inter?

“Al momento ho in testa solo le sorti di questa squadra granata, come già detto molte volte. In futuro vedremo ed oggi non ci penso”.

Hai avuto modo di parlare con il diesse Ausilio recentemente: cosa ti ha detto?

“Mi ha fatto i complimenti per quello che sto facendo in questa stagione e mi ha spronato a continuare così”.

Il tuo score, fino ad ora, parla di 3 gol e un assist: lo sai che ti mancano 4 reti e mi fai vincere la scommessa con il diesse Petrachi? Se arrivi a quota 7 gol, lui deve farmi avere la tua maglia…

“Ah…! Grazie per la stima, ma davvero non penso ai gol personali, ma all’obiettivo della squadra…”.

 

- La riproduzione, anche parziale, dell’articolo è consentita solo previa citazione della fonte FcInterNews.it. I trasgressori saranno perseguibili a norma di legge.

(Si ringrazia, per la disponibilità e la collaborazione, il Responsabile Comunicazione e Brand Licensing del Torino FC, Alberto Barile.)
 


Altre notizie - La Meglio Gioventù
Altre notizie
 

NEL REMAKE CAMBIANO GLI ATTORI. TRANNE UNO

Vittoria con brivido per l’Inter a Parma, campo ostico, avaro di successi negli ultimi anni. Tre punti fondamentali, ma davvero, nella rincorsa al quinto posto, e segnale alle inseguitrici, che continuano a restare in scia (alcune più a distanza, come i ducali, ...

DA ZERO A DIECI - TRA PALI, RIGORI ED EX ARRIVA LA SETTIMA FUORI CHE VALE IL +5

Gol e spettacolo a Parma, l'Inter vince la seconda partita consecutiva blindando la posizione europea, sbancando il tardini dopo sei anni. Una partita bella ben interpretata da ambo le parti, che ha visto uscire vincitori i nerazzurri. Riviviamo il match nelle principali statisti...

AG. MBAYE: "L'INTER ERA PRONTA A FARE A MENO DI LUI. IL FUTURO..."

Ibrahima Mbaye e l'Inter, un rapporto difficile? Sul giocatore senegalese si stagliano alcune ombre legate alla permanenz...

SAMPDORIA-INTER - ICARDI BIJOU, TORNA BATMANDANOVIC

HANDANOVIC 8,5 – Per un giorno torna supereroe: la sua battaglia è con Maxi Lopez, prima ipnotizzato dal dischet...

INTER-MILAN 2-1, 11/03/2007 - PAURA RONIE E BOATO CRUZ-IBRA: REMUNTADA SERVITA

Il tradimento, una ferita che fa male e che non si può dimenticare. In amore, nell'amicizia e anche nello sport.&n...

SAMIR, MAURO E MATEO: I GIOIELLI CONVINCONO A GENOVA

Stravince, con merito, Samir Handanovic nell'edizione del Pallone d'Oro Nerazzurro relativa alla trasferta dell'I...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 20 Aprile 2014.
 
Juventus 90
 
Roma 82
 
Napoli 68
 
Fiorentina 58
 
Inter 56
 
Milan 51
 
Parma 51
 
Torino 49
 
Lazio 49
 
Hellas Verona 49
 
Atalanta 46
 
Sampdoria 41
 
Genoa 39
 
Udinese 39
 
Cagliari 36
 
Chievo Verona 30
 
Bologna 28
 
Sassuolo 28
 
Livorno 25
 
Catania 23

   Editore: Dieffe Media Norme sulla privacy