VERSIONE MOBILE
 Martedì 23 Settembre 2014
IN PRIMO PIANO
24 Set 2014 20:45
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Inter   Atalanta
[ Precedenti ]
PALLONE D'ORO NERAZZURRO - PALERMO-INTER, CHI È STATO IL MIGLIORE?
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

IN PRIMO PIANO

Preview Inter-Rubin - Cou, ecco la chance. Sì al turn-over, ma Milito...

Possibile anche l'impiego di Marko Livaja
20.09.2012 09:00 di Alessandro Cavasinni Twitter: @Alex_Cavasinni  articolo letto 13439 volte

Parte stasera l'avventura in Europa League dell'Inter, all'esordio assoluto nella competizione da quando ha assunto il nuovo formato. Di fronte il Rubin Kazan di Kurban Berdyev, squadra scorbutica e difficile da inquadrare. Nel girone anche Neftçi Baku e Partizan Belgrado.

LA TATTICA – Nella conferenza di ieri, Andrea Stramaccioni ha lasciato intendere che lascerà a riposo qualche pezzo da novanta, visto il tour-de-force che attende i nerazzurri. Cominciato domenica sera con il Torino, il calendario nerazzurro resterà fitto di impegni ogni tre giorni fino al 7 ottobre, giorno del derby di Milano. E allora possibile più di un cambio nella formazione che affronterà i russi. Probabile il riposo di Cambiasso e Sneijder, perni quasi imprescindibili per il centrocampo. In forse anche Alvaro Pereira e uno dei due centrali di difesa. Da decidere anche sull'impiego di Guarin. Agli straordinari sarà chiamato Milito: con Palacio ai box, difficilmente Stramaccioni rinuncerà al Principe. E qualcuno azzarda l'ipotesi Marko Livaja: chissà...

GLI AVVERSARI – Kurban Berdyev è lo stesso che sedeva sulla panchina del Rubin anche nella stagione 2009-2010, quella del Triplete. I russi furono avversari dei nerazzurri nel girone assieme a Barcellona e Dinamo Kiev. 1-1 a Kazan e 2-0 a Milano, con i gol di Eto'o e Balotelli. Il Rubin non attraversa un gran momento di forma ed è reduce dal ko con la Lokomotiv Mosca. 12 punti in 8 gare e metà classifica: la società comincia a spazientirsi. La rosa è molto simile a quella di tre anni fa e le novità sono poche. Tra tutti l'italiano Bocchetti, il venezuelano Rondon e il finlandese Roman Eremenko.

I PERICOLI – Tante le armi per far male a disposizione di Berdyev. Prima fra tutte la potenza di Rondon. L'ex Malaga è un attaccante di stazza, bravo sia a proteggere palla che a livello tecnico. Da temere la velocità del turco Gökdeniz Karadeniz e gli inserimenti di Ryazantsev. Occhio, poi, al gran tiro di Roman Eremenko, già affrontato dai nerazzurri ai tempi della Dinamo Kiev, sempre nell'anno del Triplete. Sui calci piazzati, particolarmente attenzione bisognerà fare alle avanzate dello spagnolo César Navas.

DOVE COLPIRE – Il Rubin dispone in generale di un buon comparto difensivo, ma quest'anno in più di un'occasione il povero Ryzhikov si è trovato a dover fronteggiare avversari piuttosto liberi. Il migliore del reparto, finora, è risultato essere proprio Bocchetti, ottimo soprattutto negli anticipi. Male gli altri, da César Navas al capitano Sharonov. Non ha impressionato Marcano, spesso utilizzato da schermo davanti la difesa. Male anche il basco Pablo Orbaiz, ex pilastro dell'Athletic Bilbao e arrivato in estate dall'Olympiacos Pireo. Evidente come i fraseggi stretti e gli uno due fatti con la qualità degli attaccanti nerazzurro potranno mandare in tilt il pacchetto arretrato di Berdyev.

OCCHI PUNTATI SU... – Coutinho. Il piccolo brasiliano, con ogni probabilità, sarà schierato titolare da Stramaccioni dopo le panchine con Pescara, Roma e Torino. L'ex Vasco vorrò a tutti i costi mettersi in mostra dinanzi al proprio pubblico e, soprattutto, al proprio allenatore, così da sovvertire le gerarchie nel reparto offensivo. Una chance da non fallire per lui, arrivato carico dopo il prestito all'Espanyol e ottimo ogni qual volta è stato chiamato in causa. La sua velocità nell'uno contro uno e la sua classe potrebbero rivelarsi decisive per scardinare l'accorta disposizione in campo dei russi.

 

Probabili formazioni:

INTER (4-3-2-1): Handanovic; Silvestre, Ranocchia, Samuel, Nagatomo; Zanetti, Gargano, Guarin; Coutinho, Cassano; Milito.

RUBIN KAZAN (4-2-3-1): Ryzhikov; Kuzmin, César Navas, Bocchetti, Kaleshin; Natkho, Marcano; Karadeniz, R. Eremenko, Ryazantsev; Rondon.


Altre notizie - In Primo Piano
Altre notizie
 

MAZZARRI, PERCHÉ? E QUELLA BANDIERINA CHE VA SU DI FRETTA. UN PROGETTO AL VIA

Il tour-de-force è cominciato tra alti e bassi. Prima i 7 gol al Sassuolo, poi l'affermazione di Kiev che ha già spianato la strada nel girone di Europa League, mentre domenica sera un pari amaro a Palermo. Un 1-1 frutto di una prestazione con luci e ombre, una ...

IL TOUR DE FORCE METTE IN ALLERTA KRHIN. FIDUCIA NELLO SLOVENO CHE IN ESTATE...

Tre impegni in otto giorni per i nerazzurri, chiamati a continuare nel tour de force iniziato col Sassuolo, dopo la mini battuta d’arresto del Barbera. Mazzarri dovrà subito voltare pagina e pensare alle due gare interne contro Atalanta e Cagliari come occasione...

FCIN - CARRIZO, IL FUTURO È INCERTO: 2 SCENARI POSSIBILI

Al momento, l’unica certezza per Pablo Carrizo, classe 1984, è che a giugno 2015 scadrà il suo contratto...

PALERMO-INTER - GUARIN UOMO IN PIÙ, MOLTO MALE GLI ESTERNI

HANDANOVIC 5,5 - Vero che l'errore più marchiano è di Vidic, ma sul sinistro di Vazquez fa tutto meno...

"IL GIORNO PIÙ BELLO": BARDI STOPPANAPOLI. OK BIRAGHI, MENO CRISETIG

Se fosse stato un attaccante l''etichetta' della domenica sarebbe stata 'Spacca Napoli', ma dato che...

D'AMBROSIO CELEBRA LA PRIMA, VIDIC ALLE SUE SPALLE

Dopo la vittoria a Kiev contro il Dnipro, i lettori di FcInterNews.it non hanno avuto dubbi, eleggendo come migliore in campo...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 23 Settembre 2014.
 
Roma 9
 
Juventus 9
 
Hellas Verona 7
 
Milan 6
 
Udinese 6
 
Inter 5
 
Sampdoria 5
 
Atalanta 4
 
Genoa 4
 
Fiorentina 4
 
Cesena 4
 
Lazio 3
 
Parma 3
 
Chievo Verona 3
 
Napoli 3
 
Palermo 2
 
Sassuolo 2
 
Cagliari 1
 
Empoli 1
 
Torino 1

   Editore: Dieffe Media Norme sulla privacy