Lunga intervista ad Antonio Candreva nel numero 232 di Calcio2000, in edicola questo mese. Nel corso della chiacchierata, le cui pillole sono state pubblicate oggi da Tuttomercatoweb, l'esterno dell'Inter e della nazionale italiana parla così di Spalletti: "E' uno davvero di grande livello. Sono felice di averlo come allenatore in questo periodo della mia carriera. Grazie a lui, sto migliorando molto. Lavora tantissimo sulla concentrazione, sulla motivazione, sulla continuità di rendimento. E’ meticoloso, direi che è tanta roba. Con lui, impari sempre qualcosa di nuovo”.

Parlando del Meazza, nuovo teatro in cui si esibisce in casa, Candreva spiega: "Non ho mai sentito la pressione di San Siro. Parliamo di un pubblico molto competente che ha visto moltissimi fuoriclasse, è normale che pretenda un calcio e un livello di prestazione alto. Per questo bisogna stare attenti a sbagliare il meno possibile".

L'ex Lazio, poi, ammette di aver un sogno nel cassetto, ovvero giocare nel calcio inglese: "Mi piace molto la Premier League. È davvero un campionato eccezionale. Mi piacerebbe provare a giocarci”.

L'obiettivo personale e di squadra è tornare in Champions League: "Indubbiamente - ha raccontato Candreva - la musichetta è qualcosa di speciale. La Champions League è il torneo europeo più importante e, di conseguenza, quando ci giochi ti senti estasiato. Quella musichetta ti fa capire che stai giocando la Champions League, il top”.

La Champions League è il top e le squadre italiane? Il movimento calcistico italiano si sta riprendendo? "Sicuramente - ha concluso Candreva - la Serie A di quest’anno sta dimostrando che il nostro è sempre un torneo difficile ma, da qualche anno a questa parte, anche con belle partite. Credo che le nostre squadre italiane stiano crescendo e, di conseguenza, si può far bene anche in Europa”.

Sezione: In Primo Piano / Data: Ven 12 Gennaio 2018 alle 12:36 / articolo letto 15415 volte
Autore: Mattia Zangari / Twitter: @mattia_zangari