PISSARDO 6,5 - In avvio risponde con un guizzo all’ottima punizione calciata da Jakupovic, poi si gode il match da spettatore non pagante fino al tiro di Di Pardo, che para con sicurezza. 

VALIETTI 6 - Inizia in modo molto propositivo, poi il rivale di fascia Tripaldelli gli prende le misure e lo costringe ad una partita più accorta.

BETTELLA 7 - “Lasciate ogne speranza, voi ch’intrate” scriveva Dante Alighieri, e forse pensava al 2000 della Nazionale. Insuperabile, mai colto di sorpresa, e Vecchi ringrazia. 

NOLAN 6 - Coordina la difesa con attenzione, come dimostrano le numerose trappole del fuorigioco andate a buon fine. Guardiano rude, controlla le punte bianconere con le cattive.

LOMBARDONI 6,5 - Straripante nei contrasti aerei ed ottimo negli anticipi. Il capitano emargina Olivieri, senza dubbio l’avversario più pericoloso. Così è tutto più semplice.

SALA 6 - Spinge meno di Valietti, sale in cattedra per alcune chiusure difensive e per il battibecco con Dal Canto.

EMMERS 6,5 - Al ritorno dall’infortunio è quasi super. A tratti impreciso o egoista, soprattutto negli ultimi metri. Si fa apprezzare per il continuo pressing e l’intelligenza tattica. Manca solo il gol. (DALL'82' GAVIOLI SV)

POMPETTI 7 - Giornata delicata per lui, deve dare ritmo alla manovra e limitare il delirio di onnipotenza di Fernandes. Svolge tutto in modo egregio, e c’è pure l’assist per Zaniolo.

ZANIOLO 7,5 - Nel primo tempo è quasi indisponente, poi lo show nella seconda frazione. Tutto inizia con il gol vittoria: stacco imperioso, sovrastato Di Pardo. Dilaga quando aumentano gli spazi in mezzo al campo.

BELKHEIR 5 - E’ la nota dolente della semifinale. Il palo a tu per tu con Del Favero al minuto 16 lo demoralizza. Accumula errori con lo scorrere delle lancette, doveroso il cambio. (DAL 46' ROVER 6,5 - Aggiunge peso specifico all’attacco un po’ anonimo del primo tempo. Con la velocità fa impazzire la retroguardia juventina).

COLIDIO 6 - Il trio difensivo avversario non gli lascia libertà. Decide allora di dedicarsi al lavoro sporco. Sempre a stretto contatto con la mediana, permette continui scambi in velocità.

ALL.VECCHI 7 - Cambia il modulo, ma non l’esito. La sua Inter è ancora in finale e ora può vincere il terzo trofeo stagionale, Fiorentina permettendo. Capolavoro del tecnico che rimedia all’assenza di Odgaard (almeno al secondo tentativo) e organizza una difesa che non può che scoraggiare l’avversario.

JUVENTUS: Del Favero 5; Vogliacco 6, Serrao 5,5 (Capellini 6), Zanandrea 6; Di Pardo 5, Portanova 5,5 (Montaperto 6), Fernandes 7, Merio 6 (Moracchioli 5,5), Tripaldelli 6; Jakupovic 5,5, Olivieri 5. All. Dal Canto 6

 

Michele Neri

VIDEO - ALLA SCOPERTA DI... - MALCOM, UNA FRECCIA BRASILIANA A BORDEAUX

Sezione: Giovanili / Data: Mer 6 Giugno 2018 alle 20:33 / articolo letto 16002 volte
Autore: FcInterNews Redazione