VERSIONE MOBILE
 Lunedì 24 Novembre 2014
FOCUS
  VS  
Inter   Dnipro Dnipropetrovsk
[ Precedenti ]
PALLONE D'ORO NERAZZURRO - MILAN-INTER, CHI È STATO IL MIGLIORE?
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

FOCUS

Cambiasso: "Moratti è unico. Io e l'Inter..."

18.04.2012 17:49 di Guglielmo Cannavale  articolo letto 7034 volte
Fonte: Inter Channel
© foto di Giuseppe Celeste/Image Sport

Esteban Cambiasso si racconta ai microfoni di Inter Channel, a Click. Alcuni lo hanno messo in discussione, ma Moratti ha avuto sempre fiducia in Cambiasso e vuole continuare a puntare su di lui. Il Cuchu parla così del Presidente Moratti: "E' una persona squisita, impossibile trovare una persona simile nel calcio. Si approccia ai giocatori con una classe che fa la differenza". 

All'Inter Cambiasso ha incontrato Javier Zanetti, con cui ha un rapporto splendido: "E' un fratello trovato nella vita. Più di un'amicizia normale, abbiamo tante cose che ci uniscono, le nostre famiglie sono molto unite. Abbiamo attraversato momenti belli ma anche alcuni momenti difficili, al di fuori dal campo. E' molto più di un amico. L'immagine di lui che avevo prima non è quella che ho ora, soprattutto nella vita privata. Sui campi di allenamento poi è molto professionale, più di ogni immaginazione. Vive con un'allegria incredibile".

A Click mostrano a Cambiasso le foto della sua carriera. Non può mancare una foto del 22 maggio 2010: "La serata più speciale della mia carriera. Per quello che vuol dire l'Inter per me e la Champions per il mondo. Mi emoziono ancora a vedere quella foto. La maglia di Facchetti a Madrid ce l'avevo quasi per caso, mentre a Siena l'avevo chiesta alla famiglia. Questo dimostra quanto tengo all'Inter".

Capitolo nazionale: "Bellissimi ricordi. Al momento lo vivi con sofferenza. L'esordio in nazionale non è mai facili. Ho giocato due volte la Copa America, ho avuto la fortuna di giocare in un Mondiale. Purtroppo è mancata una vittoria importante. Siamo riusciti con le giovanili, ma mai con la prima squadra".

"Giocare nel Real Madrid - continua Cambiasso - è stata una grande opportunità. Ho avuto la possibilità di condividere lo spogliatoio con campioni anche fuori dal campo, come Figo, Roberto Carlos. Ho imparato tantissimo da Raul e dalla sua voglia di far bene tutti i giorni. L'ha dimostrato anche con lo Schalke 04. Sono giocatori che hanno vinto tutto e che davano il massimo ogni volta che scendevano in campo. Mi hanno insegnato questo, e anche l'umiltà. Bello vivere a Madrid, è una sensazione forte, ci torno volentieri, ho degli amici. Quando siamo andati lì per la finale, avevo detto che mi avrebbe fatto un doppio piacere vincerla lì. A Milano ancora di più. Allenare i bambini è una grande passione che ho. E' una realtà che dura da 5 anni, sono più di 200 bambini all'anno. Io e Pupi quando possiamo andiamo: è una passione. E' una soddisfazione vedere il sorriso di un bambino. Ai bambini bisogna insegnare che il calcio è uno sport di gruppo. L'obiettivo non è solo quello di insegnare le regole del calcio, ma di dare i valori giusti".

Cambiasso parla dei suoi fratelli: "Ho due fratelli, abbiamo la fortuna di essere molto legati. Da mio fratello portiere ho imparato questo mestiere e la professionalità. Mi ha insegnato i sacrifici e le rinunce che ho dovuto fare nell'adolescenza. E' capitano della squadra del nostro quartiere, che è tornata nella serie A argentina dopo 28 anni".

Nell'Inter è tradizione fare l'Asado: "Cerco di dare una mano a Walter (Samuel), che è quello che si occupa sempre di tutto. A servire ci pensano Diego (Milito) e Javier (Zanetti). L'Asado è un momento d'aggregazione, tutto nacque a Brunico 5/6 anni fa e abbiamo continuato. Sono preciso? E' vero, ma un po' di precisione serve in mezzo al casino".


Altre notizie - FOCUS
Altre notizie
 

TRACCE DELL'INTER CHE SARÀ

Prima delle 20.45 il derby si era caricato a molla di giorno in giorno. Titoli tonitruanti, foto enormi, caratteri cubitali come da tradizione di un tempo nemmeno troppo lontano. Ho personalmente vissuto la vigilia con un senso di orgoglio per la città. Ero davvero st...

DA ZERO A DIECI - OBI ROMPE UN DIGIUNO. JJ E RANOCCHIA, PROVA DEL NOVE

Il ritorno in panchina per Roberto Mancini finisce in pareggio, risultato tutto sommato giusto che, però, poteva facilmente arridere ai nerazzurri se ci fosse stata un po' più di cattiveria. L'Inter non riesce a tornare alla vittoria, che manca dalla gara co...

DS CHIEVO A FCIN: "BARDI VIA? MA SE CON MARAN..."

Piccola e diversificata colonia nerazzurra in prestito al Chievo Verona: Francesco Bardi, portiere classe ’92;...

MILAN-INTER - ICARDI E KOVACIC TRADISCONO. KUZ PRESENTE

HANDANOVIC 6 - Il primo intervento serio lo effettua a 15 dalla fine su un sinistro di Honda. Difficile intervenire sulla...

CHIEVO, LA DOPPIA B IN PANCHINA. LONGO KILLER MANCATO, BIANCHETTI MURO

Panchina gialloblu. Esordisce così il numero odierno de La Meglio Gioventù che deve ancora registrare il non...

ICARDI AL FOTOFINISH SU HANDANOVIC. POI C'È KUZ

Due grandi protagonisti, per i tifosi interisti, del pareggio nerazzurro contro il Verona nell'ultima partita di Mazzarri...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 24 Novembre 2014.
 
Juventus 31
 
Roma 28
 
Napoli 22
 
Sampdoria 21
 
Lazio 19
 
Genoa (-1) 19
 
Milan 18
 
Udinese 18
 
Inter 17
 
Fiorentina 16
 
Sassuolo 15
 
Hellas Verona 14
 
Empoli 13
 
Palermo (-1) 13
 
Torino 12
 
Cagliari 11
 
Atalanta 10
 
Chievo Verona 9
 
Cesena 8
 
Parma 6

   Editore: Dieffe Media Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.