Dopo la sconfitta in Corte d'appello, Christian Vieri non si arrende e insiste sul caso-spionaggio ai tempi dell'Inter. "Vieri e il suo legale Danilo Buongiorno martedì hanno preso male la decisione della seconda sezione della Corte d’Appello di Milano che, a seguito dell’azione di revocazione chiesta dalla difesa di Vieri, ha stabilito che dovrà pagare le spese di lite di 33mila euro a Telecom e Inter. Ma tutto è affidato alla Cassazione che in terzo grado dovrà pronunciarsi sulla sentenza di appello emessa un anno e mezzo fa che portava il risarcimento per Vieri da un milione di euro a 80mila da parte di Telecom e 40mila dall’Inter ritenuta non responsabile", riferisce la Gazzetta dello Sport.

Sezione: Ex nerazzurri / Data: / articolo letto 4009 volte / Fonte: Gazzetta dello Sport
Autore: Alessandro Cavasinni / Twitter: @Alex_Cavasinni