VERSIONE MOBILE
 Sabato 30 Agosto 2014
EDITORIALE
31 Ago 2014 20:45
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Torino   Inter
[ Precedenti ]
PALLONE D'ORO NERAZZURRO - INTER-STJARNAN, CHI È STATO IL MIGLIORE?
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

EDITORIALE

Ti chiamavano Fenomeno...

17.04.2012 00:01 di Guglielmo Cannavale  articolo letto 9741 volte

Chissà per quanto tempo ancora sentiremo parlare di lui e delle sue dichiarazioni. Luiz Nazario de Lima è considerato uno dei giocatori più forti del decennio scorso, uno dei più forti del nuovo millennio. E' anche giusto, quindi, che parli spesso a radio, tv e giornali. L'ultima occasione è stata una lunga intervista concessa al sito della FIFA, in cui afferma che i suoi ricordi migliori sono associati al Real Madrid.

A ogni frase, a ogni parola che esce dalla bocca di Ronaldo, cade sempre di più un mito che è già infranto da tempo. Il Ronaldo interista è morto nel luglio 2002, quando è andato al Real Madrid, segnando un'epoca. Era finita l'Inter di Ronaldo. Ronaldo è morto due volte, perché nel 2007 ecco il passaggio al Milan. Una carriera contorta, in cui si è dimostrato un grande calciatore ma un piccolo uomo. 

Ora bisogna cercare di isolare nella memoria il Ronaldo a tinte nerazzurre, quel campione che ha fatto innamorare tanti bambini e sognare migliaia di tifosi. Non è un compito facile, perché a pensare a Ronaldo vengono in mente il suo faccione di adesso, le sue parole scomode e quel gol a Julio Cesar nel derby. Le magie, i gol e i dribbling con la maglia dell'Inter si stanno cancellando anno dopo anno. E questo è un peccato. Perché il Fenomeno rimane uno dei giocatori, sul campo, più forti della storia dell'Inter, se non il più forte. E anche uno di quelli che, con i suoi tragici infortuni, che ha commosso di più il popolo nerazzurro.

Ora, a leggere che i suoi ricordi più belli sono legati al Real Madrid, ci viene quasi da ridere. Poi aggiunge: "Ero un fan della squadra e della città di Milano". No, caro Ronie. Un tifoso non può tradire così la maglia, passando prima al Real Madrid e poi addirittura al Milan. Quel Milan che ora Ronaldo considera alla pari dell'Inter come importanza nella sua carriera, tanto da essere indeciso su chi tifare nel derby scorso. Quel Milan, insomma, che l'ha abbandonato dopo l'ennesimo infortunio, di fronte a l'Inter che l'ha sempre curato e aspettato. Ora basta parole, per piacere. Il mito è già rovinato abbastanza.


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie
 

ERICK, SPARALO

Ci siamo. Giovedì sera sono stati sei, tutti molto belli. Da palato fine con firme tutte d'autore. Mateo Kovacic, Mauro Icardi e Pablo Daniel Osvaldo hanno strappato applausi dimostrando di poter essere, ancora di più, tre pedine fondamentali per ...

ZANETTI: "ALVAREZ VIA, LA SQUADRA ORA È COMPLETA. MA PUÒ ESSERCI LA SORPRESA"

Da capitano e simbolo dell'Inter in campo a vicepresidente in giro per il mondo, Javier Zanetti si racconta ai microfoni di 'Como te va', trasmissione in onda sulle frequenze di Radio Guemes, durante il viaggio di ritorno a Milano da Montecarlo, dove oggi ha presenzia...

L'AG. DI MBAYE: "UN ERRORE ASPETTARE IL GENOA, ORA IBRA PUÒ RESTARE ALL'INTER". LE ALTERNATIVE LAST MINUTE...

Sembra destinata a un finale a sorpresa la vicenda legata a Ibrahima Mbaye. Il suo trasferimento al Genoa, ormai dato per...

INTER-STJARNAN: KOVACIC COL JOYPAD, M'VILA RINGHIA

CARRIZO 6 - Deve mettere a bordo campo il Mojito che sorseggia per tutto il primo tempo quando lo Stjarnan decide che il...

UFFICIALE - IL NIÑO TORRES IN PRESTITO BIENNALE AL MILAN

Arriva anche l'annuncio ufficiale del passaggio in rossonero di Fernando Torres. "AC Milan e Chelsea FC hanno...

PRIMO SCATTO DI DODÒ, POI KOVACIC E M'VILA

Dopo la vittoria di Rodrigo Palacio e il premio della redazione consegnato a Mauro Icardi, torna il Pallone d'Oro...
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 30 Agosto 2014.
 
Atalanta 0
 
Cagliari 0
 
Cesena 0
 
Chievo Verona 0
 
Empoli 0
 
Fiorentina 0
 
Genoa 0
 
Hellas Verona 0
 
Inter 0
 
Juventus 0
 
Lazio 0
 
Milan 0
 
Napoli 0
 
Palermo 0
 
Parma 0
 
Roma 0
 
Sampdoria 0
 
Sassuolo 0
 
Torino 0
 
Udinese 0

   Editore: Dieffe Media Norme sulla privacy