VERSIONE MOBILE
 Venerdì 31 Ottobre 2014
EDITORIALE
01 Nov 2014 20:45
Serie A TIM 2014-2015
  VS  
Parma   Inter
[ Precedenti ]
PALLONE D'ORO NERAZZURRO - INTER-SAMPDORIA, CHI È STATO IL MIGLIORE?
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  
  

EDITORIALE

Ti chiamavano Fenomeno...

17.04.2012 00:01 di Guglielmo Cannavale  articolo letto 9784 volte

Chissà per quanto tempo ancora sentiremo parlare di lui e delle sue dichiarazioni. Luiz Nazario de Lima è considerato uno dei giocatori più forti del decennio scorso, uno dei più forti del nuovo millennio. E' anche giusto, quindi, che parli spesso a radio, tv e giornali. L'ultima occasione è stata una lunga intervista concessa al sito della FIFA, in cui afferma che i suoi ricordi migliori sono associati al Real Madrid.

A ogni frase, a ogni parola che esce dalla bocca di Ronaldo, cade sempre di più un mito che è già infranto da tempo. Il Ronaldo interista è morto nel luglio 2002, quando è andato al Real Madrid, segnando un'epoca. Era finita l'Inter di Ronaldo. Ronaldo è morto due volte, perché nel 2007 ecco il passaggio al Milan. Una carriera contorta, in cui si è dimostrato un grande calciatore ma un piccolo uomo. 

Ora bisogna cercare di isolare nella memoria il Ronaldo a tinte nerazzurre, quel campione che ha fatto innamorare tanti bambini e sognare migliaia di tifosi. Non è un compito facile, perché a pensare a Ronaldo vengono in mente il suo faccione di adesso, le sue parole scomode e quel gol a Julio Cesar nel derby. Le magie, i gol e i dribbling con la maglia dell'Inter si stanno cancellando anno dopo anno. E questo è un peccato. Perché il Fenomeno rimane uno dei giocatori, sul campo, più forti della storia dell'Inter, se non il più forte. E anche uno di quelli che, con i suoi tragici infortuni, che ha commosso di più il popolo nerazzurro.

Ora, a leggere che i suoi ricordi più belli sono legati al Real Madrid, ci viene quasi da ridere. Poi aggiunge: "Ero un fan della squadra e della città di Milano". No, caro Ronie. Un tifoso non può tradire così la maglia, passando prima al Real Madrid e poi addirittura al Milan. Quel Milan che ora Ronaldo considera alla pari dell'Inter come importanza nella sua carriera, tanto da essere indeciso su chi tifare nel derby scorso. Quel Milan, insomma, che l'ha abbandonato dopo l'ennesimo infortunio, di fronte a l'Inter che l'ha sempre curato e aspettato. Ora basta parole, per piacere. Il mito è già rovinato abbastanza.


Altre notizie - Editoriale
Altre notizie
 

FISCHIARE È UN DIRITTO, APPROFITTARNE NO. OGGI NE MANCANO 7, SI PUÒ FARE MEGLIO?

Ci si può accontentare di due vittorie consecutive per 1-0, entrambe su rigore e sprecando numerose palle gol? Sì, di questi tempi. Perché come un déjà vù l’Inter torna a vivere situazioni del passato che, ahimé, spesso ...

IL CREATIVO, IL GLACIALE E L'INATTESO

Contro la Samp come a Cesena. L’Inter fa bottino pieno superando un avversario finora imbattuto assieme alla Juventus (entrambe, curiosamente, cadute nel turno infrasettimanale) e avvicinando il terzo posto che vale i preliminari di Champions League. Al di là del con...

FCIN - UN TIEPIDO INTERESSE ANNI FA E NULLA PIÙ. L'INTER NON CERCA LICHTSTEINER

Quasi nessuna speranza, secondo quanto risulta a FcInterNews.it, di vedere in nerazzurro Stephan Lichtsteiner, esterno...

INTER-SAMPDORIA - ICARDI SALVATO DAL RIGORE. KOVACIC CUORE PULSANTE

HANDANOVIC 6,5 - Reattivo sulla punizione di Gabbiadini al 58', è decisivo nel finale sulla deviazione sotto porta...

GARA CONVINCENTE PER BESSA E DUNCAN. BIRAGHI TRAVOLTO

Copertina di giornata tutta sua: Joseph Alfred Duncan, all'esordio stagionale dal primo minuto nella Sampdoria di...

A CESENA SI REALIZZA LA PROFEZIA. POI È DUELLO TUTTO SLAVO

Il Profeta domina la scena del Pallone d'Oro Nerazzurro in merito alla trasferta vittoriosa dell'Inter a Cesena....
Ecco le prime pagine dei quotidiani sportivi di oggi 31 Ottobre 2014.
 
Juventus 22
 
Roma 22
 
Lazio 16
 
Milan 16
 
Sampdoria 16
 
Udinese 16
 
Napoli 15
 
Inter 15
 
Genoa 15
 
Fiorentina 13
 
Hellas Verona 12
 
Torino 11
 
Sassuolo 10
 
Cagliari 9
 
Palermo 9
 
Atalanta 8
 
Empoli 7
 
Cesena 6
 
Chievo Verona 4
 
Parma 3

   Editore: Dieffe Media Norme sulla privacy   

Utilizzo dei Cookie

CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.